• Caucciù di verniciatura

    Le tecniche di verniciatura, grafica e stampa, ed i materiali presenti sul mercato per tali scopi, sono moltissimi, ed in costante evoluzione. Prodotti innovativi che si prestano a svariati utilizzi in differenti settori: in campo edile, automobilistico, di arredo, e nello specifico nel settore di stampa e grafica.

    Tra i prodotti in commercio troviamo le verniciature UV, un settore recente, risalente agli anni settanta, che ha conseguito un largo utilizzo nell'industria grafica. I prodotti in questione, subiscono un essiccazione tramite polimerizzazione rapida, dando vita a dei fogli (asciutti), lavorabili ed utilizzabili non appena fuoriescono dalla stampa. Oltre a possedere una resa di elevato livello, le verniciature UV divengono una valida alternativa alla comune tecnica di plastificazione e trovano impiego in linea, sia su macchine definite offset a più colori, che fuori macchina. In questo secondo caso (fuori macchina), vengono utilizzate, attraverso verniciatrici o macchine ad uso serigrafico, verniciatrici a rullo e macchine offset. Tra i requisiti e le peculiarità ricordiamo: l'assenza di solventi, il rapido grado di essiccazione, la formazione di superfici lucide, nonché l'ottima adesione a differenti tipologie di supporti, tutto ciò rende le verniciature UV, utilizzabili in modo ottimale, in molti settori grafici.

    INFORMAZIONI SUL CAUCCIU' DI VERNICIATURA E DETTAGLI VARI

    I gruppi di vernici UV, definiti come applicabili in linea, velocizzano le operazioni potendo essere applicati in un solo passaggio, rendendo il prodotto stampato adatto all'immediata finitura, ed ottimizzando notevolmente i tempi di produzione. I gruppi di verniciatori in linea adottano principalmente il caucciù di verniciatura. Il Caucciù di verniciatura si avvale di prodotti UV che possono presentare una viscosità variabile, il cui valore rientra in parametri che variano da un minimo di 35 ad un massimo di 70 ( tazza DIN 4 a 20°C), maggiore è il grado di viscosità, superiore sarà la quantità di materiale da applicare nelle operazioni di stampa.

    La temperatura è un fattore che può influire sulla viscosità dei prodotti utilizzati per il caucciù di verniciatura, infatti va detto che esiste un rapporto di proporzionalità rispetto alla viscosità: l'aumento di temperatura comporterà un aumento della viscosità, viceversa, temperature basse, diminuiranno la viscosità del materiale. La quantità di verniciatura potrà essere impostata anche sulla macchina in uso, in virtù della viscosità del prodotto, in modo da ottimizzarne i consumi e la resa del materiale, una quantità eccessiva della vernice causa un effetto definito a buccia d'arancia, dando luogo a superfici non regolari, mentre un uso insufficiente di vernice provoca una scarsa lucidità della stampa.

    Per ovviare a questi problemi di dosaggio si potrà optare per una verniciatura in linea con caucciù di verniciatura, attraverso l'utilizzo di rulli anilox, in questo modo la quantità necessaria e precisa del materiale, verrà utilizzata ed applicata su cartone o carta. Qualora ci si avvalga dei rulli, si utilizzeranno preferibilmente vernici a bassa viscosità, per facilitarne la stesura. I rulli in uso, sono quasi sempre realizzati in acciaio e non consentono la verniciatura denominata a spot.

    La quantità d vernice UV considerata ottimale per la stesura nell'applicazione in linea, varia da un minimo di 3 ad un massimo di 7 g/m2.

    Le lastre di verniciatura attuali, presentano una consistenza morbida e grande flessibilità, ciò consente di poterle ripiegare e riporre facilmente, si tratta, sostanzialmente, di matrici pronte all'uso di stampa e serigrafie, definite in gergo dagli stampatori, per l'appunto: caucciù di verniciatura.

    Il caucciù di verniciatura si avvale di un supporto spesso realizzato in lamina, il materiale per elezione è l'alluminio sul quale vengono stese le matrici. Problemi che dovessero insorgere in stampa ci indicheranno quali sono i provvedimenti da attuare: aumento di viscosità o diminuzione, aumento o diminuzione del quantitativo di vernice utilizzata in caso di scarso lucido o grana a buccia d'arancio, tempo di essiccazione insufficiente, necessità di cambiare la sequenza di stampa in caso di adesione difficoltosa o di non superamento del test di scotch e così via; in alcuni casi per ottimizzare l'essiccazione, sarà sufficiente arieggiare la pila. Qualora la stampa tenda ad ingiallire si dovrà, con molta probabilità, sostituire il supporto in uso con uno con differente assorbenza, o in alternativa aggiungere degli sbiancanti o utilizzare un primer precedentemente alla verniciatura UV. Da diversi anni Il caucciù di verniciatura è molto adottato sia nelle tipografie che nelle serigrafie.